Antibiotico in allattamento, 5 cose da sapere che dovresti sapere

Antibiotico in allattamento, 5 cose da sapere che dovresti sapere

SHARE

Anche per le madri che allattano potrebbe presentarsi la necessità di assumere antibiotici in allattamento , a questo proposito è necessario conoscere alcune informazioni basilari di cui parleremo in questo articolo.

antibiotici in allattamentoDurante l’allattamento al seno le madri potrebbero avere bisogno di assumere antibiotici in allattamento per curare infezioni batteriche come ad esempio la mastite infettiva, in questi casi le donne si preoccupano di quali effetti tali medicinali possano avere sulla produzione di latte e di conseguenza sulla salute del bambino.

Di norma assumere antibiotici durante l’allattamento non è particolarmente dannoso per il piccolo e non richiede la necessità di interrompere l’alimentazione al seno. Secondo l’Australia’s National Health and Medical Research Council è del tutto sicuro proseguire con l’allattamento anche se si stanno assumendo degli antibiotici. Va detto che negli ultimi tempi la prescrizione di antibiotici è molto diminuita rispetto al passato in quanto un uso eccessivo ha un forte impatto sulla flora intestinale, ma comunque è importante ricordare che in alcuni casi è davvero necessario e può considerarsi un vero e proprio salva vita.

5 cose essenziali da sapere riguardo l’assunzione di antibiotici in allattamento al seno

La prima conseguenza visibile dell’assunzione di antibiotici in allattamento la si può riscontrare nelle feci del piccolo che potrebbero essere più frequenti e assumere una colorazione diversa sul verde, questa condizione non richiede alcun trattamento specifico ma è una normale reazione dell’intestino del bambino che si risolve naturalmente dopo aver cessato la cura con gli antibiotici.

Il bambino, se la madre assume antibiotici in allattamento al seno, potrebbe soffrire di colichette addominali che lo renderanno un po’ dolorante e insofferente, anche in questi casi non bisogna preoccuparsi eccessivamente in quanto il suo malessere sparirà insieme con la fine della terapia con gli antibiotici.

In particolare le madri si preoccupano che l’assunzione di antibiotici durante l’allattamento al seno possa innescare particolari reazioni nel bambino come ad esempio l’intolleranza al lattosio, questo può accadere perché i composti dei medicinali assunti provocano l’irritazione intestinale del bambino che potenzialmente potrebbe determinare l’intolleranza anche se questo non si verifica in diretta conseguenza.

Resta comunque valido il fatto che dopo aver finito la terapia con gli antibiotici l’intestino si sistemerà naturalmente senza particolari interventi esterni.

Non tutte le mamme che si preoccupano degli effetti dell’assunzione di antibiotici durante l’allattamento al seno sanno che, per quanto vero sia che i farmaci irritano l’intestino del piccolo, altrettanto vero è che lo stesso latte materno contiene delle sostanze che lo curano e contribuiscono a ripristinare il sano equilibrio dell’apparato intestinale del bambino.

Una di queste sostanze dalle straordinarie peculiarità sono gli oligosaccaridi che sono il terzo elemento più abbondante nel latte materno; si tratta di prebiotici che alimentano i batteri buoni contenuti nell’intestino, così come i lattobacilli e i bifidobatteri che ristabiliscono l’equilibrio della flora intestinale. E’ importante ricordare che anche se l’uso di antibiotici potrebbe alterare la gamma dei batteri nell’intestino del piccolo, lo stesso farebbe la sospensione dell’alimentazione con l’allattamento al seno in sostituzione con il latte artificiale.

4. E’ noto a tutti che una delle più comuni conseguenze delle cure con antibiotici sia la diarrea perché questi farmaci uccidono sia i batteri indesiderati sia quelli buoni che regolano la flora batterica e il corretto funzionamento intestinale. Per questo motivo se si assumono antibiotici in allattamento il medico può consigliare un’integrazione a base di probiotici che aiutino l‘organismo a ristabilire la salute dell’intestino e a sconfiggere la diarrea. Prima dell’assunzione di probiotici è comunque opportuno rivolgersi al medico per verificare che ve ne sia la reale necessità soprattutto nei riguardi della salute del bambino.

5. Una delle conseguenze derivate dall’uso di antibiotici in allattamento al seno è il cosiddetto mughetto o candida. Questa malattia può presentarsi nella vagina, nella bocca o nei capezzoli, in questi casi si consiglia di farsi visitare dal medico che saprà indicare le adeguate soluzioni prive di rischi per la guarigione della madre e per la salute del piccolo.