Pro e contro dei seggioloni evolutivi

Pro e contro dei seggioloni evolutivi

SHARE

Per ogni genitore arriva la delicata e importante fase dello svezzamento e questa, insieme con tante altre decisioni da prendere per il benessere del proprio bambino, porta con sé una scelta da fare circa il seggiolone da acquistare. Se per quanto riguarda l’alimentazione risulta fondamentale il supporto del pediatra che aiuta le mamme ad orientarsi passo per passo in ogni piccola decisone, non vale lo stesso per il seggiolone la cui valutazione resta a totale discrezione dei genitori.

Accade dunque molto spesso di sentirsi incerti su quale sia il miglior modello da acquistare fra le decine e decine di opzioni possibili che offrono sia i negozi fisici da neonato sia quelli specializzati on line.

 

Tipologie di seggioloni da neonato

Prima di procedere con l’acquisto di un determinato modello è opportuno sapere che essenzialmente esistono due diverse tipologie di seggioloni per il momento della pappa del proprio bambino: il primo è quello statico, classico, con imbottitura nella seduta e vassoio estraibile ed il secondo è quello evolutivo, ossia un seggiolone che cresce di pari passo con il piccolo grazie ad un sistema modulare che offre una soluzione adeguata ad ogni fase della sua crescita come i seggioloni Stokke su Seggiolone Pappa.

I seggiolini evolutivi: pro e contro della scelta

Dalle stime di mercato e dai pareri riferiti direttamente dalle famiglie emerge che sempre più di frequente i genitori scelgano di optare per l’acquisto di un seggiolone evolutivo. Le ragioni che motivano questa scelta e si discostano invece dal modello tradizionale sono svariate e necessitano un approfondimento.

Vantaggi

Ciò che spinge i genitori all’acquisto di un seggiolone evolutivo è perlopiù la possibilità di avere accanto a sé a tavola il bambino per condividere insieme il delicato momento della pappa e abituarlo a stare in loro compagnia. Questa possibilità non è praticabile con un seggiolone normale dal momento che il modello classico, pur togliendo il vassoietto, non permette di avvicinarlo al tavolo. Questo problema non si crea con un seggiolone evolutivo che invece è stato appositamente realizzato per rafforzare il legame fra bambino e genitori eliminando ogni possibile barriera nella quotidianità.

Un’altra ragione che spinge i genitori a comprare un seggiolone evolutivo è data dalla comodità di avere un opportuno supporto per ogni fase della crescita senza dover attraversare quel momento particolarmente scomodo in cui si cerca con un cuscino sull’altro di far arrivare il bambino alla giusta altezza pur di averlo accanto a sé a tavola.

I modelli evolutivi, come ad esempio i notissimi seggioloni Stokke, offrono la possibilità di acquistare i supporti più adatti all’età del bambino, cominciando ad esempio con la culletta per i più piccini. Questo consente di comprare di pari passo con la crescita la soluzione più adatta ad ogni singolo momento della sua crescita senza dover d’obbligo affrontare l’intera spesa tutta in una volta.

Svantaggi

L’unico svantaggio emerso circa la scelta di un seggiolino evolutivo ha a che fare con il prezzo che è lievemente superiore a quello di uno tradizionale. Nonostante tutto si tratta di un aspetto estremamente personale, molti genitori hanno infatti affermato che pur essendo nell’immediato una spesa maggiore, questa venga completamente compensata dalla comodità e dalla qualità che offre il modello evolutivo di seggiolone.

Scegliere il seggiolone migliore non è certo una decisione semplice da intraprendere ma può risultare utile chiedersi prima di tutto se si stia cercando una soluzione momentanea o piuttosto una che accompagni il bambino anche negli anni a venire.